Teppisti, delinquenti, vigliacchi

Qualsiasi cosa sia successa oggi in quell’area di sosta dell’autostrada, che sia stato un incidente, una leggerezza dell’agente o un atto premeditato di violenza, niente può giustificare quello che sta succedendo in queste ore a Roma.

Le bande che hanno agito oggi contro le forze di polizia non sono animate da solidarietà nei confronti del ragazzo ucciso oggi, ma solo dall’odio, che evidentemente nutrono verso le istituzioni.

Quello che è successo non è accettabile e non deve essere permesso. Non siamo in una nazione dove la polizia rappresenta una minaccia per la popolazione. Gli agenti sono persone come noi, soggette come noi a fare errori, umani e fallibili come noi. Non c’è alcun motivo per scendere in strada, fare barricate, distruggere e ferire.

È giusto pretendere che anche gli agenti di polizia rispondano delle loro azioni, in casi come Genova o quando come oggi il loro comportamento causa un lutto immotivato. Staremo a vedere cosa davvero è accaduto oggi, ma tutto questo non c’entra nulla con le scene di violenza che sono seguite…

Assaltare caserme, bruciare macchine, ferire persone che in fin dei conti lavorano per noi, è un comportamento indegno ed inaccettabile. Sono solo bande di idioti mascherati che si nascondono nel numero e dietro le maschere, certi che oggi meno che mai i loro avversari potranno calcare la mano contro di loro.

E, per favore, non chiamateli tifosi, chiamateli col nome giusto: teppisti, delinquenti, vigliacchi.

By | 2016-10-19T09:38:28+00:00 novembre 11th, 2007|Blog, Personale|1 Comment

One Comment

  1. michele 12/11/2007 at 15:48 - Reply

    L’irragionevole ragion di stato.

    ——slodo——
    Io sono stato allo stadio una sola volta in vita mia, all’Olimpico, a vedere una partita di quelle insignificanti, perché volevo correre meno rischi possibile. Ci sono andato con la famiglia ed è una cosa bellissima, uno spettacolo incredibile, qualcosa che sarebbe bello poter godere senza paura.

    Invece bastano POCHI stronzi perché il divertimento di decine di migliaia di persone sia rovinato, distrutto, annullato dalla paura.

    Tendo a diventare fascista quando succede questo, tendo a pensare che in fondo togliere definitivamente di mezzo quei pochi sarebbe la cosa giusta da fare. Qualsiasi sia il mezzo. Poi ovviamente mi pento, ma come diceva qualcuno: guardati dall’ira del giusto.
    mario

Leave A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi