Recensire su Amazon, sette motivi per farlo

Non mi stancherò mai di sottolineare l’importanza che hanno le recensioni dei lettori per un autore, specialmente per un autore indipendente, in particolare quelle su Amazon. Non si tratta solo di un vezzo dell’autore, di una carezza (o uno schiaffo) al suo ego. Sono linfa vitale per raggiungere quel minimo di esposizione che renda il libro visibile ai clienti di quella piattaforma. Non serve a molto infatti scrivere un buon testo se poi nessuno ne conoscerà l’esistenza. Ma ecco chiari e allineati sette motivi per lasciare una recensione.

1. Aiutate l’autore a capire cosa funziona e cosa no

Una recensione ben fatta, che contenga anche feroci critiche ma ben circostanziate, è preziosa per un autore, in particolare per un autore indipendente. Lo aiuta a capire se quello che voleva dire è arrivato a destinazione, se il suo stile piace, a chi piace, come vengono visti i suoi personaggi, quali sono amati e quali odiati. È insomma una fonte importante di informazioni, di riscontri sul proprio lavoro. Una fonte ben diversa da quella degli editori, degli editor, dei lettori “amici”. Che il libro vi sia piaciuto o meno, lasciate una recensione, in qualche modo migliorerete i libri che saranno prodotti nel futuro. E non solo da quell’autore. Anche una recensione stringatissima è utile all’autore: è l’unico modo che ha per sapere che qualcuno ha letto il suo libro e vi assicuro che si tratta di un’informazione importante per chi scrive.

2. Aiutate i lettori a capire se il libro fa per loro

Un libro può essere bellissimo per un lettore e pessimo per un altro. Fare una recensione che spieghi perché un romanzo ci è piaciuto, o non ci è affatto piaciuto, rappresenta un valido aiuto per altri lettori. Leggendo le nostre note infatti potrebbero scoprire che ciò che a noi non piace è al contrario per loro divertente, e viceversa. Non abbiate paura di fare recensioni critiche, purché le facciate descrivendo con precisione cosa non vi è piaciuto. Non scrivete “questo libro fa schifo” o “libro meraviglioso” e basta, spiegate perché vi fa schifo, perché lo avete trovato meraviglioso.

3. Date visibilità al libro e all’autore

Su tutte le piattaforme ove è possibile inserire recensioni queste rappresentano una sorta di pedigree del libro. Chi sta cercando qualcosa da leggere sarà più attirato da un libro con molte recensioni, poco importa se non tutte positive. Questo per tanti motivi: aiutano a capire che genere di lettura è, se vale la pena comprare, se lettori simili a noi lo hanno gradito. Rendono insomma più facile evitare di acquistare un libro che non è nelle nostre corde. La piattaforma inoltre rende più visibili i libri con maggiori recensioni. Amazon pare usi il numero di acquisti e recensioni anche per decidere se porre il libro in offerta. Per un autore indipendente questa è probabilmente la forma più potente di marketing, insieme al vostro passa parola. E la prima forma di passa parola è la recensione stessa.

4. Rinforzate le comunità di amanti della lettura

Una volta che avete fatto lo sforzo di scrivere la vostra bella recensione non limitatevi a inserirla sul vostro negozio online, Amazon, Kobo, IBS che sia. Utilizzate anche le community di lettura che girano intorno alla lettura. Anobii, Goodreads, i gruppi di appassionati su Facebook, sono tutti posti dove dovreste condividere la vostra recensione. Non soltanto fare un favore all’autore, ma lo farete soprattutto ai lettori e renderete quelle comunità più forti, favorendo indirettamente la diffusione dell’amore per la lettura.

5. Tenete una traccia del vostro pensiero

Ogni recensione che lasciate è come la pagina di un diario. Provate a rileggere quelle che avete scritto molto tempo fa, vi faranno sorridere e forse anche scoprire qualcosa di voi che altrimenti non riuscireste ad afferrare. Perché nel tempo si cambia, sia come persone che come lettori, ma anche il nostro modo di esprimerci, di scrivere, di elaborare un pensiero per una recensione, con il tempo evolve. Provare per credere. Senza contare che sono sempre ricordi che cristallizzate su un foglio, virtuale magari, ma pur sempre capace di trattenere una memoria.

6. Aumentate la vostra visibilità su Amazon e sui social

Lasciare una recensione è anche un modo di farsi conoscere, di diffondere la vostra immagine in rete. Non è un elemento da sottovalutare per chi ha a cuore questa tematica. Si spende a volte tempo e denaro per cercare di conquistare qualche mi piace, qualche visita al proprio blog, qualche amico sul profilo, eppure ci sono modi semplici, come appunto quello di scrivere recensioni, per creare nel tempo visibilità e contatti.

7. Diventate visibili agli autori

Questo discorso vale in particolare per gli autori indie e gli esordienti in generali, così come per gli autori che pubblicano con piccole case editrici indipendenti. Se li recensite loro si accorgono di voi. Potrebbero contattarvi, interagire con voi, perfino permettervi di leggere in anteprima i loro futuri lavori. Se questo è qualcosa che considerate interessante e motivante, allora avete una ragione di più per recensire un autore che vi è piaciuto.

Tante delle persone che considero amici l’ho conosciuta online, giocando, in chat, sui gruppi, ma anche grazie a quello che scrivo. Gli autori non sono superuomini irraggiungibili, ma persone come noi e, a seconda del carattere, molti si prestano volentieri a intrattenere rapporti amichevoli con chi li legge.

Conclusioni

Come vedete ci sono molte buone ragioni per recensire un libro che si è letto, persino facendo una recensione critica. I vantaggi sono vostri e degli autori, ma anche degli altri lettori. Si tratta insomma di un’operazione a basso impegno e con alto rendimento per tutti gli attori coinvolti. Dunque fatelo, recensite ciò che leggete, spargete queste recensioni sui negozi online, sui social, nei gruppi, sul blog che gestite, insomma, passate parola, è uno dei tanti modi che avete per cambiare un pochino il mondo, se non altro per chi legge e scrive.

By | 2017-01-31T18:01:40+00:00 gennaio 31st, 2017|Blog|1 Comment

One Comment

  1. Alberto Della Rossa 31/01/2017 at 18:04 - Reply

    Mi trovi d’accordo su ogni singola parola. A tutti gli effetti la comunità passa più tempo a lamentarsi della difficoltà di emergere che a investire del tempo per emergere davvero. Le recensioni (così come i commenti) sono importanti, motivo per cui ho inserito nel mio piano editoriale degli spazi appositi per entrambi. Ben fatto 🙂

Leave A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi