Venti di guerra

bomba1.pngTornate indietro nel tempo e cercate di ricordare cosa accadde all’epoca dei primi attacchi all’Iraq. Prezzi del petrolio record, escalation di minacce che sembravano apparentemente solo strumenti di un braccio di ferro diplomatico, crisi di consensi della presidenza americana, campagna mediatica di preparazione alla guerra.

Riconoscete qualche pattern? Diciamo che le possibilità di un attacco aereo mirato  all’Iran sono al momento in crescita, non faccio stime ma tendo a pensare che la possibilità cominci ad essere più che realistica.

A questo punto se siete dei pacifisti-altruisti-buoni dovreste cominciare a chiedervi come si potrebbe impedirlo, ed alla fine, sapendo di non avere alcuna chanche di modificare il corso della storia vi consolereste spedendo un bel fax di protesta alla casa bianca.

Se invece siete dei bastardi-opportunisti-infami potreste cominciare a ragionare su come sfruttare a vostro vantaggio la situazion, come peraltro staranno già facendo quelli che queste decisioni possono influenzarle e probabilmente conosceranno prima di noi la data dell’attacco.

Vado a vedere cosa ha guadagnato in borsa dopo l’attacco all’Iraq…

By |2016-10-19T09:38:36+00:00settembre 21st, 2007|Blog, Personale|0 Comments

Leave A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi